Make-up

Verranno suggerite le modalità per poter applicare qualsiasi trucco in maniera semplice e accessibile.
I passaggi indicati si riferiscono a trucchi semplici; per tutto quello che riguarda trucchi di scena, artistici o per occasioni particolari, meglio rivolgersi a una persona di fiducia o a esperti.

Prodotti da usare

I prodotti generalmente utilizzati per il viso, occhi e labbra sono: crema idratante o BB cream, fondotinta o terra, correttore per occhiaie, blush, eye liner, ombretto, mascara, rossetto. Oltre a questi serviranno dei pennelli, un detergente, un tonico, dell’acqua micellare e salviettine o dischetti struccanti.

Se si comincia da zero, prendere questa lista e recarsi in un negozio di make up facendosi accompagnare se serve; ci sono tanti marchi, come Kiko Milano, Sephora, Mac, Nyx, Pupa… per non parlare del fatto che ogni casa di moda ha la sua linea del make up, quindi volendo qualcosa di lusso dei marchi buoni sono Yves Saint Laurent, Estée Lauder, Dior, Chanel…
Se si è alle prime armi si consiglia di andare in un negozio multimarca, come Sephora, dove si trovano tante linee. Invece un marchio piuttosto economico e di buona qualità su cui orientarsi potrebbe essere Kiko.
Non è necessario comprare tutti i prodotti indicati nella lista sopracitata, dipende da cosa si vuole. Per esempio si potrebbe non volere il mascara perché le ciglia sono abbastanza voluminose al naturale, oppure potrebbero non essere necessari blush, cipria o illuminanti vari. Un prodotto particolarmente difficile da applicare è l’eye liner, perché serve una precisione geometrica e fermezza di mano, perciò senza guardarsi allo specchio è praticamente impossibile rendersi conto di quello che si sta facendo. Oltretutto anche molte persone vedenti hanno difficoltà a metterselo.
È importante, almeno la prima volta che si acquistano dei prodotti di make up, recarsi di persona al negozio e affidarsi ai commessi, che in base al colore del proprio incarnato e al tipo della pelle potranno consigliare i colori e le texture adatti. Dopo il primo acquisto conviene farsi dire il nome di ogni prodotto e il numero (ogni numero è associato a un colore) in modo da riacquistare gli stessi prodotti, anche online per le volte successive.
Per quanto riguarda le creme, i detergenti o i tonici per il viso, si può scegliere di farsi consigliare, almeno per la prima volta, dalla propria estetista di fiducia, la quale potrà suggerire anche marchi di settore che costano di più ma che hanno una buona qualità, perché sono quelli che vengono usati sui clienti. L’estetista in molti casi può fornire direttamente nel proprio centro i prodotti stessi, oppure li potrà ordinare direttamente.

I prodotti esistono in tanti formati, una regola generale è prendere il più possibile prodotti solidi, in polvere o stick, perché sono più facili da applicare per chi ha difficoltà visive, e si evita oltretutto di pasticciarsi con i liquidi. I prodotti in stick hanno una parte che se fatta ruotare in senso orario permette al prodotto di uscire, specialmente quando questo è un po’ consumato e non fuoriesce dal tubetto.

Viso

Una volta scelti i prodotti e acquistati, procediamo con la base:
lavarsi il viso con un detergente delicato e acqua tiepida;
passare il tonico sul viso;
spalmarsi il viso con la crema idratante (anche questa previamente acquistata in negozio) dall’interno verso l’esterno quindi dal naso verso i lati del viso. Stessa cosa per la fronte e il mento, dal centro ai lati.
Questi tre passaggi sono obbligatori se si vuole mettere il fondotinta o altro, perché il make up aderisce su una pelle pulita e idratata. Inoltre, questi tre passaggi fanno parte della skin care quotidiana pur non applicando nessun tipo di make up in seguito. Si può anche non mettere il fondotinta e passare direttamente al trucco occhi o labbra.
Stendere il fondotinta: una regola generale è che per chi ha la pelle secca ci vuole un fondotinta in crema, mentre per chi ha la pelle mista o grassa ci vuole il fondotinta in polvere. Se non si conosce il proprio tipo di pelle conviene chiedere in negozio. In generale però il fondotinta in polvere è più facile da stendere. Prendere il pennello, immergerlo nel fondotinta, strofinarlo leggermente in modo che raccolga il prodotto e poi dare dei tocchi rapidi sul viso, evitando le labbra e le palpebre. Per essere sicuri che il prodotto sia ancora sul pennello e non si stia pennellando a vuoto conviene passarlo più volte nel prodotto, magari dando un paio di pennellate su una guancia, poi due sull’altra, una sulla fronte, una sul naso, una sull’arco di cupido (l’arco di cupido è quel solco che sta tra il naso e il labbro superiore) una sul mento e poi varie sul collo, ricordandosi di prendere il fondotinta almeno ogni 2 pennellate. Passarlo sul collo e sotto al mento è importante perché non si deve vedere lo stacco di colore tra il fondotinta e il colore naturale della pelle, specialmente se si indossano vestiti che lasciano il collo scoperto.
Blush o illuminanti: è più comodo per chi non vede utilizzare dei prodotti in stick. Appoggiare il prodotto in stick sullo zigomo e fare un piccolo movimento circolare, poi stenderlo delicatamente con il dito facendo dei piccoli cerchi. Non premere con forza altrimenti si rischia che il prodotto rimanga sul dito. Ripetere lo stesso procedimento sull’altro zigomo.

Occhi

Correttore: il correttore serve per coprire le occhiaie, anche per questo conviene chiedere in negozio in modo da ottenere la copertura giusta. Come sopra è meglio usare un prodotto in stick, appoggiarlo nell’angolo tra la palpebra inferiore e il naso e, sempre dopo un piccolo movimento circolare, stendere il prodotto con il dito lungo tutta la parte sotto alla palpebra. Immaginare di tracciare un semicerchio con il dito, che vada dal naso all’osso della cavità oculare, facendolo terminare appena sotto alle ciglia inferiori. Spalmarlo anche un po’ sulla palpebra inferiore, in modo da coprirla tutta. Può essere utile per chi ha occhiaie particolarmente profonde, o per chi mette i colliri che possono sbavare e lasciare la pelle macerata, spalmarlo anche un po’ sul naso e appena sull’angolo tra il naso e la palpebra superiore. Anche in questo caso, come per il blush, non premere con forza per non trascinarsi via il prodotto.
Ombretto: sempre usando un prodotto in stick, appoggiarlo sulla palpebra superiore, appena sopra alle ciglia e picchiettarlo delicatamente lungo tutto l’arco ciliare. Potrebbe essere già sufficiente così, altrimenti si potrebbe spalmarlo leggermente verso l’alto con il dito, ma non serve coprire tutta la palpebra. Si può usare anche un ombretto a matita applicandolo in modo da colorare interamente la sola palpebra mobile.
Una volta applicato il prodotto, se lo si desidera, SI può andare a sfumare delicatamente con un pennello sottile compiendo dei movimenti orizzontali dalla parte più interna verso quella più esterna dell’occhio. Quest’ultimo passaggio può essere utile per rendere più uniforme il risultato finale.
Mascara: il mascara va applicato alle ciglia superiori. Per impratichirsi, si consiglia di utilizzarne uno trasparente.
Esistono diversi tipi di mascara (volumizzante, curvante, ecc.):
aprire il mascara ruotando le estremità in senso opposto. Volgere subito in verticale il tubetto per evitare la fuoriuscita del prodotto. Battere appena la punta dello scovolino sull’ingresso del tubetto per rimuovere il prodotto in eccesso (quest’operazione sarebbe opportuno svolgerla sopra al lavandino del bagno, per non imbrattare altre superfici). Riporre in verticale su un ripiano il tubetto, prestando molta attenzione a dove lo si poggia, dato che è aperto e che nel riprenderlo alla fine non lo si deve far cadere;
con il dito indice tenere abbassata la palpebra inferiore. Avvicinare molto lentamente lo scovolino in posizione orizzontale all’occhio, mantenendolo spalancato. Quando lo scovolino sarà sufficientemente vicino all’occhio, abbassare lievemente lo sguardo. Applicare il mascara compiendo dei movimenti dal basso verso l’alto (si può partire dal centro per poi spostarsi verso gli angoli). Applicare il mascara agli angoli richiede maggiore attenzione, sia perché sono i punti in cui è più facile sporcarsi, sia perché vi si incontrano ciglia superiori e inferiori. Se si ha difficoltà a tenere gli occhi fermi a lungo, si può allontanare lo scovolino quando se ne sente il bisogno. Terminata l’applicazione, se si hanno le ciglia molto lunghe è bene prestare attenzione a non sbattere troppo gli occhi per una manciata di secondi o ci si potrebbe sporcare.
Richiudere il mascara. A questo punto, se non si è fatta una base viso in precedenza, con un cottonfioc imbevuto di struccante è possibile andare a ripulire i punti dove si è sporcato (naso e vicino all’angolo esterno). Sarebbe meglio evitare questo passaggio; perciò è importante impratichirsi ed è utile usare un mascara trasparente.

Labbra

Per le labbra esistono vari prodotti: rossetti, lucidalabbra, burro cacao, tinte labbra. I burro cacao servono per inumidire le labbra se sono secche o screpolate, sono cremosi e generalmente non macchiano, generalmente non colorano; i lucidalabbra possono essere trasparenti o leggermente colorati e come dice la parola stessa, lucidano, danno un po’ di lucentezza; i rossetti sono cremosi e danno colore alle labbra, quindi macchiano più facilmente; le tinte labbra sono liquide, si stendono con un pennellino e di solito hanno colori forti, sono fatte per resistere addosso tante ore e per questo sono difficili da applicare perché ogni sbavatura macchia ed è difficile da togliere. Escluse queste ultime, gli altri prodotti sono abbastanza facili da applicare anche per chi non vede. In linea generale se si esagera con un burrocacao o con un lucidalabbra non importa, perché difficilmente si noterà, essendo per lo più trasparenti; mentre con un rossetto bisogna fare molta attenzione perché il rischio di macchiarsi è dietro l’angolo, oppure si può rischiare di non stenderlo bene e lasciare dei punti vuoti, quindi è meglio farsi controllare.
Nei prossimi passaggi si userà la parola rossetto per intendere anche burro cacao e lucidalabbra per comodità:
utilizzare un prodotto cremoso: quasi tutti i rossetti hanno una parte del bordo leggermente appuntita, appoggiarla appena all’interno del labbro inferiore e farla scorrere lungo tutto il labbro;

metterne una punta anche sul labbro superiore, senza farla scorrere;
chiudere le labbra come per dare un bacio e strofinarle leggermente tra di loro, così che il rossetto si stenda uniformemente e colori tutte le labbra.
Nota bene: conviene sempre farsi dare un’occhiata da qualcuno in presenza o in videochiamata durante i passaggi o a make up ultimato, almeno fintanto che non si prende confidenza con i prodotti e con le mosse.

Struccarsi

Per struccarsi ci sono vari metodi: dischetti con acqua micellare o tonico, struccanti in crema, salviette imbevute…. Se si vuole usare i dischetti non si deve fare altro che mettere un po’ di acqua micellare o tonico sul dischetto, per farlo basta mettere il dischetto sull’imboccatura del prodotto e capovolgerlo con un movimento rapido. Appena il dischetto si inumidisce ricapovolgere il prodotto e spalmarsi il dischetto sulla faccia, dall’interno verso l’esterno, come con la crema idratante. Utilizzare un altro dischetto per le zone più cariche di colore, come occhi e labbra, ma in generale cambiare il dischetto quando questo diventa zuppo. I dischetti esistono sia in formato usa e getta sia lavabili, quelli lavabili possono essere lavati in lavatrice con un po’ di detersivo per bucato e possono essere riutilizzati. Conviene accertarsi se quelli che acquisti sono lavabili a mano o in lavatrice.
Con le salviettine si utilizza lo stesso metodo, ma essendo già imbevute non c’è bisogno di aggiungere altri prodotti.
Se si usa uno struccante in crema o in gel, spalmarlo sul viso e lasciarlo agire per qualche minuto, poi sciacquarsi il viso con acqua tiepida.
Importante: tenere gli occhi ben chiusi quando vi si passa il prodotto per struccarli, qualunque si usi, in modo da non far entrare residui di trucco, specialmente mascara, poiché potrebbero dare bruciore o irritazione.

Pulizia dei pennelli

Se ci si trucca tutti i giorni con i pennelli, è consigliabile lavarli almeno una volta a settimana mettendo un po’ di sapone neutro sul pennello e facendolo scorrere sotto l’acqua tiepida, dopo di che strizzare le setole per togliere l’acqua in eccesso. Le setole vanno sempre strizzate, mai aperte, perché il pennello si potrebbe rovinare. Lasciar asciugare il pennello prima di riporlo.

Consigli per gli acquisti

Pennello
Set di pennelli per occhi
Detergente viso struccante
Tonico per viso
Dischetti struccanti riutilizzabili
Gel detergente
Acqua miscellare
Detergente/struccante solido per skin care
Salviettine struccanti

Condividi